Faq

Compilando il form sottostante è possibile porre quesiti tecnico scientifici in materia di sistemi costruttivi a pareti portanti. È inoltre possibile consultare l’archivio delle domande e delle risposte.

Domande recenti

Questo costa costruire con il sistema ICF? [10/10/2018, Attilio M., Genova]

I costi di costruzione dipendono da molteplici fattori interagenti tra loro e dipendenti oltreché dalla tipologia di edificio, anche dall’organizzazione dell’impresa e dal contesto nel quale si interviene. Non è possibile pertanto fornire valori di costo universali. Tali argomentazioni sono state ben sviluppate nel libro “Edifici sismoresistenti progettati con le NTC 2018 – Analisi e comparazione tecnico economica tra sistemi costruttivi”, autore Cristian Angeli, http://www.icfpro.it/pubblicazioni/. Tale pubblicazione riporta i dati esatti dei costi di costruzione con sistema ICF con riferimento ad un edificio residenziale a tre piani fuoriterra più interrato.

Per la progettazione strutturale di pareti ICF possono essere impiegate le “Linee Guida per sistemi costruttivi a pannelli portanti basati sull’impiego di blocchi cassero e cls debolmente armato gettato in opera”? [15/09/2018, Nicola D., Pesaro]

Le citate Linee Guida non possono trovare applicazione nel caso di strutture “continue” a pareti in c.a. del tipo ICF, poiché esse sono riferite a pareti realizzate mediante specifiche casserature (tipicamente in legno cemento) che determinano la realizzazione di pareti discontinue NON CONFORMI alle prescrizioni generali delle NTC. Va detto tuttavia che nemmeno vi sarebbe motivo di applicarle, poiché nulla aggiungono a riguardo della verifica di pareti in cls debolmente armato rispetto a quanto già previsto dalle norme vigenti (NTC ed Eurocodici). Il fatto che le Linee Guida in oggetto ammettano la presenza di armatura unica orizzontale e verticale, è stato giustificato dai singoli sistemisti che hanno svolto specifiche campagne di indagini sperimentali.

Nelle strutture a pareti portanti in c.a. è necessario inserire le legature (o ganci)? [01/09/2018, Pietro R., Savona]

La questione da lei sottoposta è stata oggetto di numerosi approfondimenti. Ora le NTC 2018, in linea con gli Eurocodici, hanno definitivamente chiarito che le legature previste per i setti isolati in c.a. e per i pilastri, NON SONO NECESSARIE nel caso di strutture scatolari a pareti in c.a. Ovviamente ciò è vero qualora vengano adottate specifiche impostazioni progettuali… [il testo completo di questa faq può essere richiesto a info@icfpro.it]

In merito alle pareti estese debolmente armate la nuova norma e la nuova circolare introducono delle novità? [20/08/2018, Andrea C., Roma]

Si, le NTC2018 rivedono profondamente la definizione di pareti estese debolmente armate, eliminando la richiesta di rispetto dei requisiti geometrici e rendendo pertanto più fruibile tale inquadramento progettuale “Una struttura a pareti è da considerarsi come struttura a pareti estese debolmente armate se le pareti sono caratterizzate da un’estensione a buona parte del perimetro della pianta strutturale e sono dotate di idonei provvedimenti per garantire la continuità strutturale così da produrre un efficace comportamento scatolare. Inoltre, nella direzione orizzontale d’interesse, la struttura deve avere un periodo fondamentale, in condizioni non fessurate e calcolato nell’ipotesi di assenza di rotazioni alla base, non superiore a TC.

La Circolare esplicativa delle NTC 2018 ha introdotto novità in merito alla progettazione di strutture a pareti? [10/08/2018, Maria Cristina R., Torino]

La Circolare esplicativa delle NTC 2018 introduce numerosi chiarimenti e integrazioni. Per quanto riguarda le pareti in cemento armato la principale novità è quella inerente alla possibilità di ridistribuzione delle sollecitazioni fino a un massimo del 30% (p.to C.7.4.4.5) nel caso di analisi elastica lineare. Tale ridistribuzione non è ammessa per i telai e pertanto rappresenta un riconoscimento della “potenzialità” delle strutture a pareti.
All’opposto la medesima Circolare NTC 2018 introduce forti penalizzazioni per le strutture a pareti in legno, ribadendo e chiarendo, ad esempio, la necessità di verifica di deformabilità e di specifica progettazione delle giunzioni metalliche. Tali tipologie di controllo rendono molto difficile la verifica degli spostamenti delle strutture in legno multipiano, trattandosi di elementi fortemente deformabili.
Per maggiori specifiche inerenti a questo argomento si rimanda alla pagina “approfondimenti”, ove è presente una scheda dedicata alle novità introdotte dalla Circolare illustrativa delle NTC 2018.

 
Archivio Domande & Risposte