Per il Superbonus le dimensioni non contano

Per il superbonus le dimensioni non contano.
Che le unità residenziali siano grandi o piccole, i massimali sono gli stessi.
Un aspetto di cui bisogna tenere conto, sia dal punto di vista economico, sia tecnico.
Mettiamo a confronto due edifici semplici, unifamiliari.
Prendiamo ad esempio un casale in campagna (caso A), di superficie complessiva 200mq. Grande sì, ma non di lusso. Categoria catastale A6.
Confrontiamolo con un villino urbano (caso B), di superficie 100mq, in linea con gli standard dimensionali di oggi. Categoria catastale A7.
Ipotizziamo di volerli coibentare accedendo al super Ecobonus.
Anche solo con riferimento a un cappotto le tabelle sottostanti dimostrano come nel primo caso il massimale non è sufficiente a coprire i costi, mentre nel secondo è sovrabbondante. Ciò può determinare qualche problema.
Probabilmente il proprietario A sceglierà materiali più economici (minori performances energetiche) o dovrà tirar fuori dei soldi (minore soddisfazione) o andrà alla ricerca di sconti (minore qualità).
Invece il proprietario B, che peraltro possiede un immobile di maggior valore, sarà tentato di strafare, forse anche aldilà delle reali esigenze, pur avendo il limite di congruità dei prezzi.
Teniamone conto in fase di progettazione.